PRCS 2574
ABISSO DE GASPERI Stampa 

Dati generali

Numero catasto REGIONE F.V.G.
2574
Numero catasto CATASTO STORICO FRIULI
1235
Area geografica
ALPI GIULIE
Nazione
ITALIA
Provincia
UDINE
Comune
TARVISIO
Dislivello
512 m
Sviluppo
401 m
Profondità
512 m
Num. ingressi
1
Pozzo di accesso
No
Pozzi interni
Artificiale/Naturale
Naturale

Altri nomi

ABISSO 1° SUL MONTE ROBON

Descrizione

ACCESSO L'abisso G.B.De Gasperi si apre sul versante meridionale del M.Robon nei calcari del Norico Retico (formazione del Dachstein) in una zona intensamente fratturata e coperta da una rada vegetazione. L'ingresso si trova in una fessura lunga venti metri e praticabile solo nella parte superiore. DESCRIZIONE La cavità ha un andamento prevalentemente verticale lungo una serie di fessure orientate NW-SE e N-S. Alla prima parte (da quota 0 a -240) caratterizzata da pozzi piuttosto profondi, ne segue una seconda (fino a -345) formata da piccoli pozzi intervallati da meandri fortemente inclinati. La terza parte (che termina a - 512) è formata da pozzi profondi e meandri di notevoli dimensioni. La cavità è percorsa da un torrente che si incontra per la prima volta a -240 e scompare nel primo fondo a - 261. Lo si incontra a - 300 e lo si segue fino al fondo. Relazione tecnica La cavità inizia con un pozzo di 17 metri alla cui base una strettoia permette di accedere ad un altro salto (m7) che termina in una saletta il cui fondo è ricoperto da una notevole quantità di neve. Segue un pozzo di 18 m, uno di 53 m, un piccolo terrazzo e un pozzo di 14 m; alla base di questo un ghiaione fortemente inclinato termina su di un saltino di 4 m. Si imbocca un meandro sospeso per alcuni metri fino a giungere all'attacco del pozzo di 18 m, superato questo si accede, dopo una strettoia, alla verticale più grossa dell'abisso (P98). Alla base di questo si incontra un meandro con un ruscello che, dopo un breve percorso, precipita in un salto di 10 m. Si scendono alcuni gradoni che portano ad una fessura impraticabile a -261 (1° fondo). Si ritorna alla base del pozzo di 98 m per proseguire in spaccata lungo il meandro lasciato in precedenza fino ad incontrare un pozzo. Si scende per 10 m e si giunge a -245 dove, in una cavernetta laterale profonda 7 m, all'epoca dell'esplorazione, fu installato il campo base. Seguono tre pozzi di modeste dimensioni (10 m-16 m-4 m) che conducono a - 276 (punto massimo raggiunto nell'estate del 1975). Si risale su massi di crollo fino a raggiungere il pozzo di 26 m che, nella seconda parte, in caso di piena è battuto da forti cascate. Segue una breve galleria che porta ad un ennesimo pozzo (10 m) il quale è seguito da un meandro fortemente inclinato che termina con un salto di 15 m. Sotto questo salto l'acqua si perde in una bassa galleria completamente allagata e ricompare, dopo un breve tragitto, sul successivo pozzo di 53 m. Quest'ultimo si presenta molto ampio ed è percorso interamente da una cascata che crea non poche difficoltà per la discesa; poco oltre si apre un meandro discretamente agibile che porta su un salto di 50 m, spezzato dopo 10 m da una piazzola che permette, almeno in parte, di evitare la cascata del pozzo. Si attraversa un vasto ambiente che è ricoperto da materiale clastico per proseguire con un salto di 10 m. Lo si discende in parte e con un pendolo si raggiunge una finestra dalla quale si accede ad un pozzo di 20 m. Alla base di quest'ultimo si presentano tre diramazioni: due ascendenti ed una discendente. La prima via ascendente è attiva e, per proseguire verso il fondo, si prende la via discendente; si scende il pozzo di 10 m, quello di 4 m e, con un pendolo si evita il sottostante laghetto, fondo 1 m. Si prosegue nel meandro che termina in una frana a -512. RAMO NUOVO: AFFLUENTE NORD Questo breve ramo, nettamente impostato in direzione nord, parte dal fondo del P20 a quota -500 e risale per circa 50m al termine dei quali scaturisce una venuta d'acqua che ha una portata di circa 3-4 litri al secondo, pari alla portata dell'intero abisso. Il primo tratto si presenta meandreggiante, stretto in alto ed allargato sul fondo, con alcune pozze di acqua gelida; nel secondo tratto il meandro si allarga ed enormi blocchi rendono difficoltosa la progressione. Alla fine, una cascata di circa 10m (non risalita per ragioni di sicurezza), pone per ora fine all'esplorazione.

NOTA: la prosecuzione dell'abisso verso il basso sembra compromessa dal passaggio tra Calcare del Dachstein e la Dolomia Principale. Potrebbero essere interessanti alcune venute d'acqua. A quota -170, in corrispondenza del P98 è stata raggiunta una finestra in direzione Est che porta ad una breve galleria che si conclude con due brevi pozzetti.

Leggi tutto

Note

1) ARRIVI D'ACQUA PERMANENTI
1) CAVITA' FACENTE PARTE DEL SECONDO GRUPPO DI GROTTE RIPOSIZIONATE SU CTR 1:5000 CON GPS (2000)
1) GROTTA AD ANDAMENTO VERTICALE
2) RILIEVO COMPLETO
2) GROTTA ATTIVA
3) ESPLORAZIONE COMPLETA
4) POSIZIONE ESEGUITA CON GPS DIFFERENZIALE
5) PROSECUZIONI INACCESSIBILI
6) INGRESSO NATURALE

Pozzi

Ramo Nome ramo Profondità (m)
1 FONDO 17
1 FONDO 7
1 FONDO 18
1 FONDO 53
1 FONDO 14
1 FONDO 4
1 FONDO 18
1 FONDO 98
1 FONDO 10
1 FONDO 10
1 FONDO 16
1 FONDO 4
1 FONDO 26
1 FONDO 10
1 FONDO 15
1 FONDO 53
1 FONDO 10
1 FONDO 40
1 FONDO 10
1 FONDO 20
1 FONDO 4

Rilievi

Bibliografia

SAVOIA Federico, 1977, Abisso G. B. De Gasperi -512 (Fr 1235). Mondo Sott., n.u., 1976: 9-14, Udine 1977.
MARINI Dario, GALLI Mario, 1983, Alpi Giulie Occidentali. Ed. Soc. Alpina delle Giulie, Trieste 1983: 1-346.
MARINI Dario, GALLI Mario, 1977, Alpi Giulie Occidentali. Ed. Soc. Alpina delle Giulie, II edizione, Trieste 1977: 1-250.
[GUIDI Pino], 1984, Appunti sulla storia della speleologia in Friuli. Circolo Spel. e Idrol. Friulano, Udine 1984: 1-16, in occasione della mostra "Storia della speleologia in Friuli" allestita presso il Museo Friulano di Storia Naturale.
COURBON Paul, 1979, Atlas de grands gouffres du monde. Ed. Janne Lafitte, Marseille 1979: 1-202.
BOSTED Peter, CHABERT Claude, COURBON Paul, LINDSLAY Karen, 1989, Atlas of the Great Caves of the World Cave Books, St. Louis, U.S.A., 1989: 1-369.
G. S. [STEFANINI Giovanni], 1986, Bivacco Modonutti-Savoia. In Alto, s. 4, 68: 54-55, Udine 1986.
[LALOU Jean Claude], 1978, Brèves nouvelles du monde souterrain. Stalactite, 28 (2): 94-99, Neuchâtel mai 1978.
G. S. [STEFANINI Giovanni], 1980, C'è chi, quest'estate, non sa cosa fare... Speleologo dove vai?, Boll. int. del C.S.I.F., 4, Udine lug. 1980.
CALANDRI Gilberto, RAMELLA Luigi, 1984, Carsismo e grandi cavità nell'arco alpino. Atti del VI Conv. Reg. di Spel. del Friuli Venezia Giulia, Udine aprile 1983, Mondo Sott., n.s., 7 (2) (ott. 1983): 119-128, Udine 1984.
MUSCIO Giuseppe, 1991, Carsismo ed idrologia sotterranea. Guida del Friuli, VII. Val Canale, Ed. S.A.F., Udine 1991: 89-102.
GUIDI Pino, 1976, Cavità inedite del Friuli (dalla 1187 alla 1308 Fr). Suppl. al n. 16 di Atti e Memorie della Comm. Grotte "E. Boegan", Trieste 1976: 1-43.
GUIDI Pino, NUSSDORFER Giacomo, 1987, Cento anni di ricerche in grotte sul Monte Canin: storia delle esplorazioni e risultati conoscitivi. Il Carso 1986, n.s., 4: 9-27, Gorizia 1987.
GUIDI Pino, NUSSDORFER Giacomo, 1987, Cento anni di ricerche in grotte sul Monte Canin: storia delle esplorazioni e risultati conoscitivi. Il Carso 1986, n.s., 4: 9-27, Gorizia 1987.
SAVOIA Luigi, 1977, Circolo Speleologico e Idrologico Friulano. Udine. Mondo Sott., n.s., 1 (2): 29, Udine ott. 1977.
STEFANINI Giovanni, 1978, Circolo Speleologico Idrologico Friulano. Udine. Atti del III Conv. di Spel. del Friuli-Venezia Giulia, Gorizia novembre 1977, Gorizia 1978: 23-26.
GUIDI Pino, 1977, Commissione Grotte E. Boegan SAG-C.A.I. Trieste. Mondo Sott., n.s., 1 (1): 17-18, Udine apr. 1977.
NUSSDORFER Giacomo, 1988, Dati catastali abissi Canin. Progressione 20, 11 (2): 16-19, Trieste dic. 1988.
BADINO Giovanni, BONELLI Roberto, 1984, Gli abissi italiani. Zanichelli ed., Bologna 1984: 1-126.
RAMELLA Luigi, 1980, Gli abissi più profondi del mondo. Bollettino del Gruppo Spel. Imperiese, 10, 15: 40-48, Imperia 1980.
BADINI G[iulio], 1978, Gli abissi più profondi in Italia. Le grotte più estese in Italia. Notiz. della Soc. Spel. It., s. 2, 9 (4): 69 e 92, Napoli lug.-ago. 1978.
BUZIO Alberto, FAVERJON Marc, 1996, Grottes et spéléologie en Italie. Spelunca, 61: 31-50, Paris mars 1996.
ARDITO Fabrizio, 1988, Guida alle grotte e ai canyons d'Italia. Mursia ed., Milano 1988: 1-237.
TURCO Stefano, 1987, Il massiccio del Canin e le Alpi Giulie. In "Grotte ed Abissi del Friuli", Prov. di Udine ed., Premariacco1987: 85-98.
TURCO Stefano, 1987, Il massiccio del Canin e le Alpi Giulie. In "Grotte ed Abissi del Friuli", Prov. di Udine ed., Premariacco 1987: 85-98.
NUSSDORFER Giacomo, 1982, Indagine sui maggiori fenomeni ipogei della regione Friuli-Venezia Giulia. Atti del II Conv. Triveneto di Spel., Monfalcone dic. 1982: 61-71.
GIOVAGNOLI Paolo, 1977, L'abisso G. B. De Gasperi. Mondo Archeologico, 14-15: 39-42, Firenze, apr.-mag. 1977.
COMBREDET Jean Pierre, 1977, La Cronique souterraine. Italie. Grottes et Gouffres, 66: 23, Paris, déc. 1977.
STEFANINI Giovanni, SAVOIA Federico, 1978, La spedizione 1976 nell'Abisso De Gasperi sul Massiccio del Monte Canin. In Alto, s. 4, 60 (1975, 1976, 1977): 57-60, Udine 1978.
CALANDRI Gilberto, RAMELLA Luigi, 1989, Le grandi cavità italiane. Atti del XV Congr. Naz. di Spel., Castellana Grotte, settembre 1987, Castellana Grotte 1989: 417-433.
BADINI Giulio, 1978, Le grotte italiane e le grotte notevoli. Appendice. Le Grotte record. Manuale di Speleologia, Longanesi ed., Milano 1978: 504-550.
BADINI Giulio, 1979, Le Grotte turistiche italiane. 1a parte: Italia settentrionale. Mondo Archeologico, 38: 32-40, Firenze ott. 1979.
GASPARO Fulvio, GUIDI Pino, 1979, Le maggiori cavità del Friuli (al 31/12/1978). Speleologia 1: 45, Milano 1979.
NUSSDORFER Giacomo, 1991, Le maggiori cavità del Friuli-Venezia Giulia (31.12.1991). Progressione 25, 14 (1/2): 52-53, Trieste 1991.
NUSSDORFER Giacomo, 1988, Le maggiori cavità del Friuli-Venezia Giulia (al 31.05.88). Progressione 19, 11 (1): 27-28, Trieste gen. 1988.
GASPARO Fulvio, GUIDI Pino, 1980, Le maggiori cavità del Friuli-Venezia Giulia (al 31.12.19 79). Progressione 5, 3 (1): 15-16, Trieste 1980.
NUSSDORFER Giacomo, 1983, Le maggiori cavità del Friuli-Venezia Giulia (al 31.8.1983). Progressione 11, 6 (1): 37-39, Trieste 1983.
NUSSDORFER Giacomo, 1993, Le maggiori cavità del Friuli-Venezia Giulia al 31.12.1993. Progressione 29, 16 (2): 71-73, Trieste dic. 1993.
GASPARO Fulvio, GUIDI Pino, 1981, Le maggiori cavità della Regione Friuli-Venezia Giulia (al 30.9.1981). Progressione 8, 4 (2): 22-23, Trieste 1981.
NUSSDORFER Giacomo, 1984, Le maggiori cavità delle Tre Venezie. Le Alpi Venete, 38 (1): 64-65, Venezia primavera estate 1984.
NUSSDORFER Giacomo, 1982, Le maggiori cavità italiane (al 30.9.1982). Progressione 10, 5 (2): 34-35, Trieste 1982.
RAMELLA Luigi, 1980, Le più estese e profonde cavità italiane. Bollettino del Gruppo Spel. Imperiese, 10, 14: 34-38, Imperia 1980.
BUZIO Alberto, 1989, Le più lunghe e profonde grotte d'Italia. Il Corsaro, Boll. dell'Ass. Spel. Comense, 2: 38-42, Villaguardia (CO) 1989.
[RAMELLA Luigi], 1984, Le più profonde ... e le più estese (al 31.10.83). Speleologia 10: 37-38, Milano gen. 1984.
BENEDETTI Gianni, GUIDI Pino, 1996, Le più profonde cavità del Friuli-Venezia Giulia. Proc. of the Int. Congr. "Alpine Caves: Alpine Karst system and their environmental context", Asiago june 1992, Asiago 1996: 71-78.
BASSANI Daniele, BUZIO Alberto, RAMELLA Luigi, 1988, Le più profonde e lunghe cavità italiane (al 30/9/88). Il Corsaro, Boll. dell'Ass. Spel. Comasca, 1: 41-44, Como 1988.
RAMELLA Luigi, BUZIO Alberto, BASSANI Daniela, 1988, Le più profonde e lunghe cavità italiane. Il Corsaro, Boll. dell'Ass. Spel. Comasca, 1: 41-44, Villaguardia (CO) 1988.
[BENEDETTI Gianni], 1997, Maggiori cavità della provincia di Udine (Massiccio del Monte Canin) La Gazzetta dello Speleologo, 6: 7-8, Trieste mag. 1997.
COURBON Paul, 1978, Nouvelle de l'Etranger. Italie. Spelunca, 1978 (1): 42, Paris 1978.
L. R. [RAMELLA Luigi], 1977, Novità (o quasi) sotterranee. Bollettino Gruppo Spel. C.A.I. Imperia, 7 (8): 83-85, Imperia.
FABBRICATORE Alessio, 1978, Relazione attività speleologica regionale a due anni dal II Convegno regionale di speleologia. Atti del III Conv. di Spel. del Friuli-Venezia Giulia, Gorizia novembre 1977, Gorizia 1978: 11-17.
FINOCCHIARO Carlo, 1977, Relazione dell'attività della Commissione Grotte "E. Boegan" nell'anno 1976. Atti e Memorie della Comm. Grotte "E. Boegan", 16 (1976): 7-17, Trieste 1977.
CARACCI Piercarlo, 1977, Relazione morale 1976. Mondo Sott., n.s., 1 (1): 4-7, Udine apr. 1977.
CHIAPPA Bernardo, 1981, Relazione morale per il 1980. Mondo Sott., n.s., 5 (1): 4-6, Udine apr. 1981.
CHIAPPA Bernardo, 1988, Relazione morale per il 1987. Mondo Sott., n.s., 12 (1-2): 3-9, Udine 1988.
CARACCI Piercarlo, 1977, Relazione morale per l'anno 1975, decennale della morte del sen. Michele Gortani Mondo Sott., n.u. 1976: 5-8, Udine 1977.
-, 1982, Relazione sull'attività del Circolo Speleologico e Idrologico Friulano di Udine dal 1979 al 1981. Atti del V Conv. Reg. di Spel. del Friuli-Venezia Giulia, Trieste ottobre-novembre 1981, Trieste 1982: 353-354.
COMMISSIONE GROTTE "E. BOEGAN", 1975, Ricerche speleologiche sul Monte Canin. La Vos di Scluse, 7 (2), Boll. parrocch., Chiusaforte, dic. 1975.
RAMELLA Luigi, 1986, The deepest italian caves. The longest italian caves (Nov. 25, 1985). Caving in Italy, A. A. Cigna ed., Bologna 1986: 11.
GASPARO Fulvio, GUIDI Pino, 1979, The Friuli-Venezia Giulia Region and its deepest caves. The British Caver, 74: 20-22, autumn 1979.
SAVOIA Federico, 1983, Un Ghiacciaio sotterraneo nella Fr 1234. Atti del IV Conv. di Spel. del Friuli-Venezia Giulia, Pordenone novembre 1979, Pordenone 1983: 87-93.
-, 1980, Ze swiata. Informator Speleo, 1-2: 77-82, Krakow 1980.

Grotte nelle vicinanze

POZZO 7° SUL MONTE ROBON

RG 2477 /FR1135
Distanza 0.02 km

POZZO 94R3 SUL MONTE ROBON

RG 5442 /FR3006
Distanza 0.03 km

POZZO 6° SUL MONTE ROBON

RG 2476 /FR1134
Distanza 0.03 km