PRCS 8178
Grotta di Paniqua di Sesana

Dati generali

Numero catasto SLOVENIA 972
Numero catasto CATASTO STORICO VG 190
Area geografica CARSO SLOVENO
Nazione SLOVENIA
Comune Sezana
Località Avber
Dislivello 114 m
Sviluppo spaziale 362 m
Profondità 114 m
Num. ingressi 1
Pozzo di accesso No
Pozzi interni
Artificiale/Naturale Naturale

Posizione primo ingresso

Quota 324 m
Cartografia 1:25000 IGM 40AIINE
Nome cartografia IGM DUTTOGLIANO
Lat. (WGS84) 45.789776
Long. (WGS84) 13.862566
Lat. GKSLO 5072360
Lon. GKSLO 5411940
Lat. eur50 45°47'26,4
Lon. eur50 13°51'48,7
Lat. igme 45°47'23,9
Lon. igme 01°24'37,4
Validità posizione abbastanza sicura o fatta con carta 1:5000

Rilievi

Tipo rilievo Gruppo Nome Gruppo Data rilievo Eseguito da
Aggiornamento Rilievo INŠTITUAZU Inštitut za arheologijo ZRC SAZU 28-03-1960 *******
Aggiornamento Rilievo INŠTITUAZU Inštitut za arheologijo ZRC SAZU 28-03-1960 *******
Aggiornamento Rilievo INŠTITUAZU Inštitut za arheologijo ZRC SAZU 28-03-1960 *******

Pozzi interni

Profondo Ramo Nome ramo Progressivo
4 m principale 1
5 m principale 2
6 m principale 3
25 m principale 4
4 m principale 5

Altri nomi

Draga pri Ponikvah, Ponikevska Draga

Descrizione

In fondo ad un avvallamento scorre un torrentello e s'apre l'ingresso della grotta che è un portale alto 8 m., largo 4. Le sue pareti umide, coperte di muschi e di edera, sono pure rivestite da belle felci. Si discende per alcuni metri, tra grandi massi di pietre, nella prima camera, che ha una lunghezza di 12 m. ed una larghezza di 7. Le pareti sono nude, il suolo coperto di terra e di massi franati. Proseguendo verso E si arriva a due nicchie, dopo le quali la caverna fa un gomito e corre verso N. Si scende un corridoio lungo 19 m., largo da 1.30 a 3, che mette capo ad un pozzo profondo 4 m. Al suo fondo e nella stessa direzione si apre un secondo corridoio lungo 20 m. che verso il suo termine si allarga alquanto e forma una piccola camera. Da questa si prosegue verso E in un'altra cameretta dal suolo coperto d'argilla e qua e là cosparsa da massi franati. Da qui verso NE un corridoio lungo 15 m. sbocca in una sala lunga 10 m. e larga altrettanti; per entrare si varca un bacino di acqua limpidissima. Si continua per altri 18 m., fino ad una fessura larga 35 cm. La si attraversa e si è in una camera di 9 m. di lunghezza, 7 di larghezza ed 11 d'altezza. La sua direzione va da S a N. A ridosso della parete O della stanza, si trova un grande masso, 'franato, sembra, di recente. Dopo la camera, la caverna corre verso NE. Scavalcati alcuni grandi massi franati si è sull'orlo d'un pozzo profondo 5 m. In fondo si trova un pianerottolo, il quale a sua volta sta in congiunzione con un secondo pozzo profondo 6 m. Sceso anche questo secondo pozzo si è in un corridoio, largo da 1 m. a 2 m., alto 15 m., il cui suolo è formato di roccia e di massi franati. Dopo 11 m. di percorso forma un gomito proseguendo verso S. Due bacini d'acqua si trovano lungo il corridoio; uno ha la profondità di 75 cm. Proseguendo, si entra in una bellissima sala, lunga 18 m., larga 13 ni., alta 24 m.; il suolo è coperto di sabbia e di terra. La sala è ma­gnifica, dalle pareti coperte da incrostazioni scintillanti; dalla volta pendono stalattiti e cortine. Per un portale si passa in una se­conda sala, lunga 19 m., larga 15 ed alta 21, ove la bellezza raggiunge il culmine. A S s'innalza una collina di roccia coperta d'in­crostazioni bianchissime: una bellissima ca­scata d'acqua precipita dalla sua sommità, scorrendo in gran copia giù per le scintillanti pareti, e si raccoglie in un grande bacino, che sembra scolpito in alabastro. Sorpassa­tone l'orlo, discende spumeggiante fra le rocce ed i massi franati formando un rigagnolo che, terminando in canale, abbandona la sala e prosegue verso NS. In una seconda esplora­zione si seguì la fessura donde esce l'acqua.

Dopo 1 m. la volta s'innalza e si può quindi seguire in piedi, per 18 m., uno stretto canale che termina all'orlo di un pozza accanto al quale vi è poi una seconda nicchia, conte­nente un bacino d'acqua. Il pozzo scende a 25 m. di profondità, ove è un altro ba­cino d'acqua; poi un altro piccolo pozzo di 4 m., infine una lunga china di roccia al di­sopra di un grande serbatoio che raccoglie tutte le acque scorrenti dalla prima sala in poi. Esso ha una lunghezza di 6 ed una lar­ghezza di 4 m. Rasentando l'orlo lungo un cornicione si giunge dalla parte opposta su una piattaforma. Qui la vòlta s'abbassa e forma   una  fessura  impenetrabile.

Gli strati hanno in tutta la caverna una costante inclinazione di 250.

Furono raccolti i seguenti rappresentanti delfa fauna cavernicola: Zoospeum sp., Homalota spelaea, Troglophilus neglectus, Tìtanethes albus.

Note

1) TTN-5
2) CORSI D'ACQUA OCCASIONALI

 

Rilievi

Immagini