PRCS 6441
GROTTA FORTINO PRESSO TRIBIL INFERIORE

Dati generali

Numero catasto CATASTO STORICO FRIULI 3738
Numero catasto REGIONE F.V.G. 6441
Area geografica PREALPI GIULIE
Nazione ITALIA
Provincia UDINE
Comune Stregna
Località TRIBIL INFERIORE
Dislivello 10.5 m
Sviluppo 20 m
Profondità 10.5 m
Num. ingressi 1
Pozzo di accesso
Pozzi interni No
Artificiale/Naturale Naturale

Posizione primo ingresso

Quota 585 m
Profondità ingresso 10.5 m
Cartografia CTR 5000 067083
Nome cartografia CTR SALAMANT
Cartografia 1:25000 IGM 26IIINE
Nome cartografia IGM STREGNA
Lat. (WGS84) 46.11858
Long. (WGS84) 13.59542
Lat. gauss 5108205
Lon. gauss 2411478
Lat. eur50 46°07'10,0
Lon. eur50 13°35'47,0
Lat. igme 46°07'04,5
Lon. igme 01°08'35,7
Validità posizione abbastanza sicura o fatta con carta 1:5000

Rilievi

Tipo rilievo Gruppo Nome Gruppo Data rilievo Eseguito da
Primo Rilievo CRC SEPP CENTRO RICERCHE CARSICHE 'SEPPENHOFER' 09-01-2000 SUSMEL GIANNI
Primo Rilievo CRC SEPP CENTRO RICERCHE CARSICHE 'SEPPENHOFER' 09-01-2000 SUSMEL MICHELE
Primo Rilievo CRC SEPP CENTRO RICERCHE CARSICHE 'SEPPENHOFER' 09-01-2000 MENEGHINI MARCO
Posizione CRC SEPP CENTRO RICERCHE CARSICHE 'SEPPENHOFER' 09-01-2000 MARCIGAGLIA GINO
Posizione CRC SEPP CENTRO RICERCHE CARSICHE 'SEPPENHOFER' 09-01-2000 SUSMEL GIANNI
Posizione CRC SEPP CENTRO RICERCHE CARSICHE 'SEPPENHOFER' 09-01-2000 SUSMEL MICHELE
Posizione CRC SEPP CENTRO RICERCHE CARSICHE 'SEPPENHOFER' 09-01-2000 MENEGHINI MARCO

Descrizione

ACCESSO: La cavità si trova tra i paesi di Tribil Inferiore e Varch, in comune di Stregna (UD). Oltrepassato il paese di Tribil Inferiore, si prosegue per la strada comunale che porta verso Tribil Superiore; dopo circa un chilometro, prima di giungere al paese di Varch, all'altezza di una curva a sinistra, si diparte una mulattiera sulla destra della strada. Percorsane qualche decina di metri, si svolta in direzione SW, verso una paretina rocciosa, dove si individuano i vari ingressi della grotta. DESCRIZIONE: Si tratta di un interessante esempio di grotta naturale adattata a scopi bellici nel corso della Prima Guerra Mondiale; in essa le parti naturali ed artificiali possono essere stimate, rispettivamente attorno al 50%. Da un ingresso posto ai piedi di una parete rocciosa, posto in una trincea, ma che col tempo è andato quasi completamente ostruito, si accede ad una galleria in discesa; dopo qualche metro, sulla destra, vi è un camino naturale ascendente che comunica con l'esterno e, a sinistra, un ampio vano artificiale, in parte franato, che alloggiava una mitragliatrice, nel quale si vede ancora una feritoia in cemento armato. La galleria, poi, intercetta un ampio pozzo naturale ad alcuni metri dal fondo: qui doveva esserci inequivocabilmente una scala in legno di cui oggi non rimane traccia, per raggiungere il piede del pozzo dove, in una nicchia ormai quasi del tutto ostruita da massi di crollo, vi è una seconda feritoia per mitragliatrice, in cemento armato, che guarda in direzione della Valle dello Judrio. Il pozzo naturale, profondo una decina di metri, ha due imboccature sulla sommità: una più grande ed una di minori dimensioni poco più a Nord. Si nota come questi ingressi vennero chiusi, in fase di adattamento, con dei solai di calcestruzzo armato con rete metallica, che in seguito crollarono. Non distante da qui, sulla sommità del monte, si apre una cavità artificiale: la Galleria 1° presso Tribil. NOTA: La cavità è stata catastata dallo stesso gruppo anche al Catasto Regionale delle Cavità Artificiali.

Note

1) CAVITA' PREVALENTEMENTE VERTICALE
1) GROTTA CON ADATTAMENTI ESEGUITI DURANTE LA I E/O II GUERRA MONDIALE
2) PARZIALMENTE ARTIFICIALE
3) ESPLORAZIONE COMPLETA
4) RILIEVO COMPLETO

 

Rilievi